Religione Società

Il papa denuncia il “male” delle armi nucleari mentre è in visita in Giappone

Papa Francesco in Giappone

Il papa denuncia il “male” delle armi nucleari mentre è in visita in Giappone

TOKYO (AP) – Papa Francesco ha denunciato il “male” delle armi nucleari sabato mentre ha iniziato una visita di tre giorni in Giappone e ha realizzato il sogno di essere un missionario in una terra con un passato cristiano ricco ma sanguinante.

23 novembre 2019
L’aereo del papa è atterrato sotto la pioggia a Tokyo, dove ha ricevuto un piccolo benvenuto all’aeroporto prima di dirigersi verso la residenza vaticana per incontrare i vescovi giapponesi. Le strade vicino alla residenza erano fiancheggiate da sorridenti sostenitori che reggevano ombrelli. Un gruppo aveva uno striscione che diceva: “Gracias! Ti vogliamo bene.”

Dopo tre giorni affollati in Thailandia, Papa Francesco ha un programma ancora più impegnato in Giappone, a partire con i voli domenica per Nagasaki e Hiroshima per fare appello per il disarmo nucleare totale e un incontro lunedì con le vittime del disastro nucleare di Fukushima del 2011.

Quegli incontri arrivano prima ancora di incontrare l’imperatore Naruhito e il Primo Ministro Shinzo Abe in segno delle sue priorità per il viaggio.
All’arrivo Francesco disse ai vescovi che voleva rendere omaggio alle vittime dei bombardamenti atomici e incontrare i sopravvissuti, “quelli che continuano a sopportare le ferite di questo tragico episodio della storia umana”.

“Il male non ha preferenze; non gli importa del background o dell’identità delle persone “, ha detto Francis. “Semplicemente irrompe con la sua forza distruttiva”. Francesco è andato oltre ogni altro papa dicendo che non solo l’uso, ma il semplice possesso di armi nucleari è “da condannare”.

È un messaggio che dovrebbe ripetere domenica, ed è stato accolto dai giapponesi abbastanza grandi da ricordare i bombardamenti. “Spero che consegnerà il messaggio di vera pace in Giappone e nel mondo”, ha detto Ryohei Sakamoto, 71 anni, un cattolico che aspettava Francesco fuori dalla nunziatura sabato pomeriggio.
“E spero che il mondo ascolterà lui e il suo messaggio. Questo è quello che vorrei che potesse fare in questa visita. ”

Francesco disse ai vescovi come da giovane gesuita in Argentina, desiderava ardentemente essere un missionario in Giappone, seguendo le orme di San Francesco Saverio, il gesuita che per primo portò il cristianesimo nell’arcipelago nel 1549.

Mentre motivi di salute impedivano a Francesco di realizzare quel sogno, disse che nutriva comunque un continuo affetto per il Giappone e fu ispirato dai cristiani che subirono più di due secoli di persecuzioni a partire dal XVI secolo.

“Tale sacrificio di sé per il bene di mantenere viva la fede in mezzo alle persecuzioni ha aiutato la piccola comunità cristiana a svilupparsi, crescere forte e dare frutti”, ha detto Francesco ai vescovi. Uno dei momenti salienti del viaggio sarà la domenica di preghiera di Francesco al memoriale dei 26 martiri di Nagasaki, che furono crocifissi nel 1597 all’inizio dell’ondata di spargimento di sangue anticristiano da parte dei sovrani giapponesi.

Francesco saluterà anche i discendenti dei “Cristiani nascosti”, che perseverarono nella loro fede per generazioni nonostante la minaccia della morte e l’assenza di sacerdoti. L’altro obiettivo chiave di Francesco nel venire in Giappone è quello di tendere al piccolo gregge cattolico di oggi, che è diventato esponenzialmente più vario negli ultimi anni a causa di un afflusso di lavoratori stranieri. Oggi, questi lavoratori temporanei rappresentano oltre la metà della popolazione cattolica giapponese di 440.000, secondo l’arcidiocesi del centro internazionale di Tokyo.

Complessivamente, i cattolici rappresentano meno dello 0,5% dei 127 milioni di giapponesi, la maggior parte dei quali è vagamente affiliata al buddismo o allo shintoismo, o entrambi.
Il Giappone aveva a lungo chiuso le porte agli immigrati, ma l’anno scorso il paese ha adottato una nuova politica per aprire posti di lavoro non qualificati ai lavoratori stranieri temporanei, una revisione importante della politica del paese per far fronte alla sua popolazione in rapido invecchiamento e in declino.

Molti dei nuovi arrivati ​​provengono dalle Filippine, dal Vietnam e dal Brasile e sono cattolici, ringiovanendo le chiese locali che ora offrono messe in inglese, tagalog, portoghese, spagnolo e vietnamita. Francesco ha fatto del benvenuto ai migranti un segno distintivo del suo papato e ha detto ai suoi vescovi che il loro ministero per i lavoratori stranieri era una preziosa dimostrazione del loro impegno a diffondere la fede.

Li ha esortati anche a cercare i giovani giapponesi, che ha affermato essere sempre più inclini a “solitudine, disperazione e isolamento”. “L’aumento dei tassi di suicidio nelle vostre città, così come il bullismo e vari tipi di necessità, stanno creando nuove forme di alienazione e disorientamento spirituale “, ha ammonito. Li ha esortati a incoraggiare il passaggio da una “cultura di efficienza, prestazioni e successo” a uno di “amore generoso e altruista, in grado di offrire a tutti, e non solo a coloro che lo hanno” fatto “, la possibilità di un felice e vita di successo. ”

I suicidi in Giappone sono in calo da quasi un decennio a poco più di 20.000 l’anno scorso, ma il numero è in aumento tra adolescenti e anziani. Lo stesso Francesco offriva gioia alle poche persone invitate ad accoglierlo nella residenza vaticana sabato sera.

“Non vedo l’ora di vederlo e non vedo l’ora!” Sgorgò Michiko Haramoto, un cattolico di 71 anni che viaggiò dal sud di Fukuoka, sull’isola di Kyushu, per salutare il papa. Ha detto che sarebbe stata sul primo volo per Nagasaki domenica per partecipare alla Messa di Francis.

“Non so come e se sia possibile. Ma se riuscirò a parlargli direttamente, sarà così meraviglioso e sicuramente gli dirò quanto siamo grati qui quando lo riceviamo ”, ha detto.

FONTE: www.mail.com
IMMAGINE: www.mail.com

No Comments Found

Leave a Reply